Tale quadro si caratterizza per il marcato ritardo o l’incapacitàdi raggiungere l’eiaculazione nonostante una stimolazione sessuale e un desiderio di eiaculare adeguati. Tipicamente il problema si verifica all’interno di rapporti sessuali.


La sofferenza, spesso associata a questo disturbo, può essere presente in uno o in entrambi i partner ed è causata da vari aspetti:


  • il prolungamento dei tentativi di raggiungere l’orgasmo che possono ampliarsi a dismisura fino a causare dolore ai genitali;
  • l’evitamento preventivo di qualsiasi attività sessuale;
  • problematiche a livello di relazione di coppia, in quanto la partner può manifestare vissuti di
    rifiuto o scarso valore personale attribuendo il disturbo a una propria scarsa desiderabilità;
  • difficoltà di concepimento.


Il disturbo può essere:


permanente: se il ritardo eiaculario è stato presente fin dalle prime esperienze sessuali;
acquisito: se il disturbo si sviluppa dopo un periodo di esperienze sessuali relativamente normali;

generalizzato: se il ritardo eiaculario non è limitato a determinati tipi di stimolazione, situazione o partner;
situazionale: se il ritardo eiaculario si verifica solo con alcuni tipi di stimolazione, situazioni o partner.


Per la diagnosi e il trattamento sono da considerare anche i seguenti aspetti:


  • fattori riguardanti il partner;
  • fattori redazionali;
  • la valutazione della propria immagine corporea, fattori stressanti, presenza di vulnerabilità psicologica ecc;
  • fattori culturali e religiosi;
  • fattori medici correlati.

Professionisti dello studio che si occupano di questo trattamento

Studio di Psichiatria e Psicoterapia Firenze